lunedì 5 dicembre 2016

Pregrafismi natalizi

Da qualche settimana ho iniziato con il gruppo dei 5 un percorso di grafomotricità. Abbiamo già giocato con il punto e ora stiamo lavorando con le linee. Vistoil periodo natalizio ho pensato di far fare delle decorazioni con.punti e linee ; ho dato pennarelli,  colla glitter, dei cartoncini che ispiravano la forma della pallina natalizia ( che fanno parte del kit comprato su progetto infanzia) e ...via con la fantasia🙂

La loro concentrazione era alle stelle e questo per me era il miglior risultato che potessi ottenere

sabato 19 novembre 2016

inizia la storia di Guizzino...

in questo periodo, con le mie colleghe stiamo lavorando sulla storia di guizzino e dopo averla letta per intero ne abbiamo ripreso le varie scene per rappresentarle. Per i vari "quadri" abbiamo sia lavorato in gruppo che individualmente.
Oggi vi faccio vedere il primo lavoro individuale

Per fare questo lavoro ho usato alcuni cartoncini che avevo acquistato con il kit di progetto infanzia. Anzi, approfitto per ringraziare maestra Claudia E Micol per le mille ispirazioni che mi danno e vi invito a seguirle ( qui la loro pagina fb ) 
Ma torniamo al lavoro. Con questa idea ho lavorato anche sulle competenze matematiche. Avevo infatti chiesto ai bambini di prendere 5 cartoncini per rappresentare i pesciolini rossi, mentre un cartoncino solo per rappresentare guizzino. Inoltre ho dato la consegna su come colorare i pesci: non dovevano essere colorati tutti ma solo nel bordo, e in questo modo ho lavorato su coordinazione oculo manuale e motricità fine . Essendo la mai sezione eterogenea , questa attività l'abbiamo presentata ai 4 e ai 5 anni, ai 3 ho chiesto di cercae tre cartoncini per i pesciolini rossi. Per colorarli avrebbero dovuto usare il ditino...e naturalmente li coloravano tutti😉
qui c'è stata un po' di confusione😀
La prossima volta vi mostrerò il lavoro collettivo...e voi invece avete mai lavorato con guizzino?come?

domenica 6 novembre 2016

pesci da "soffiare"

L'argomento di quest'anno della nostra programmazioni sarà l'acqua e per adesso ne stiamo parlando affrontando il discorso del mare. Nel periodo dell'accoglienza lo abbiamo fatto con una storiella di pirati (si riprendeva la canzone dei 4 pirati) e pesci. Pensando agli obiettivi che mi sono posta per il bambino che quest'anno seguo, volevo fare qualche proposta per stimolare la capacità di soffiare. Ho quindi pensato di fare i pesciolini di carta velina da far nuotare ma....col nostro soffio. Ne ho preparati tre in modo da far giocare i bambini in piccoli gruppi. Noi abbiamo una sezione eterogenea e devo dire che anche chi non riusciva a soffiare si è divertito a tntare e ritentare!

venerdì 28 ottobre 2016

dolcetto o scherzetto a boscoverde

Quando ho iniziato a parlare del percorso sui colori con il racconto dei folletti di boscoverde, vi ho detto che abbiamo utilizzato la storia e il cartellone anche per presentare altri argomenti . Uno di questi è stato relativo ad halloween . Abbiamo incuriosito i bambini e li abbiamo invitati a guardare il cartellone.

i tre folletti, giallino rossino e bluetto, ci avevano mandato un messaggio


Lo abbiamo letto attentamente e abbiamo capito che....dovevamo correre in giardino!

E qui abbiamo trovato una bella sorpresa!!!!

Ciao ciao....e a presto!!!!

sabato 22 ottobre 2016

dolcetto o scherzetto?

Quest'anno abbiamo fatto fare ai bambini alcune decorazioni di halloween, senza però collegarci nessun progetto specifico (l'anno scorso il progetto di circolo era sulle emozioni e così la festa fu l'occasione per legarci il discorso sulle paure).
Abbiao iniziato a fare le decorazioni facendo fare il pipistrello. Abbiamo usato i rotoli di carta igienica (le "anime") che sono stati tinti di nero.
Con i pipistrelli svolazzanti abbiamo creato un corridoio "mostruoso"

Il secondo lavoro è stato il fantasmino. Avevo pensato di farlo creandolo in negativo e volevo usare lo spruzzino, così da stimolare il bambino che seguo ad allenare le sue dita. Prima di farlo fare ai bimbi abbiamo provato noi: però non veniva bene, il nero era ovunque:-), per cui abbiamo optato per fare il nero usando i rulli. Per fare la sagoma del fantasmino invece abbiamo attaccato una sagoma che veniva rimossa alla fine. Inoltre abbiamo fatto mettere anche dei brillantini blu per dare un maggiore effetto al disegno. 

svolazziamo per la classe per spaventarvi...o divertire?

Per finire abbiamo fatto fare ai bambini dei disegni liberi, usando le tempere, su halloween. I più piccoli, invece, hanno provato a disegnare la zucca e i tre anni l'hanno colorata provando anche a fare occhi e bocca. 


Halloween secondo i nostri artisti

zucche e fantasmi dei più piccoli


A questo punto mi sembra di avervi raccontato tutto....e ora aspetto di sapere cosa avete fatto voi!:-)
A presto....

sabato 17 settembre 2016

manipolazione...manipolazione....

L'anno passato avevo una sezione di bambini e bambine di 3 anni e abbiamo dato molto spazio alla manipolazione. Se questo vale sempre, è fondamentale in fase di inserimento poiché permette di scaricare anche la tensione. Di quest'ultimo aspetto vi ho parlato con il post sul didò fatto in casa. Aspetto altrettanto importante delle attività di manipolazione è la scoperta delle diverse caratteristiche tattili dei materiali.
in quest'occasione  abbiamo creato un tavolo lungo con tutti i bambini e a ciascuno di loro abbiamo dato un contenitore con un materiale.



I bambini erano liberi di manipolare per un pò di tempo, e intanto con la  mia collega giravamo per i tavoli per far verbalizzare loro cosa stavano "sentendo" e facendo. Dopo un pò di tempo si invitavano a dare il loro contenitore al compagno e prendere quello del compagno vicino, così da poter manipolare un altro materiale

Ecco alcuni dei materiali usati:
  • riso colorato di rosso
  • pongo blu
  • pasta cruda corta
  • fagioli
  • chicchi di caffè
  • sale
  • farina di mais
Naturalmente però diamo spazio alla fantasia (e al materiale di recupero che abbiamo) per nuove soluzioni!





E a questo punto....buon divertimento!:-)





domenica 28 agosto 2016

memory fai da te

Uno degli obiettivi che mi sono prefissata per il prossimo anno per la bambina che seguo (4 anni) è quello di lavorare sulla memoria. In sezione ho dei memory , però ho considerato anche la difficoltà di prensione che ha. Per questo motivo volevo cercare qualcosa di facilmente maneggevole e così ho optato per...tappi di plastica. Per adesso inizierò presentando tutti i tappi per una prima esplorazione libera, scoprendo gli oggetti che vi ho attaccato. Questo mi permetterà di lavorare brevemente sul lessico e sui colori. A questo punto passerò a presentare il gioco vero e proprio.
Questo è il memory che ho creato.




Come vedete è composto da pochissimi pezzi. Ho scelto di usare coppie differenti sia  per forma che per colore, per rendere ulteriormente più facile far ricordare le coppie. Per adesso inizierò presentando due coppie...poi continuerò.
Naturalmente si possono usare anche forme uguali con colori differenti, così da aumentare la difficoltà. Come ho detto, però per adesso mi sono limitata ad un gioco semplice semplice.

Ed ora tocca a voi...vi aspetto a racontarmi cosa avete costruito e per quale motivo!:-)
A presto!


giovedì 28 aprile 2016

un cuore per la mamma


L'anno passato con i bambini (3 anni) per la festa della mama abbiamo pensato ad un semplice cartoncino a forma di cuore. Avevamo tante perline colorate e così le abbiamo fatte incollare. In questo modo abbiamo richiesto ai bambini solo di mettere la colla sul cuore e quindi di incollare un materiale, in questo caso spargendolo sopra liberamente. Infine abbiamo incollato una poesia. Veloce veloce:). E quest'anno invece?.....




E voi che idee avete?

venerdì 15 aprile 2016

La paura

Oggi voglio iniziare a parlarvi del progetto che ci sta accompagnando in questa parte finale dell'anno. Si tratta di un progetto sulle emozioni.
Allacciandosi alla paura del lupo da parte di cappuccetto (la nostra programmazione è su cappuccetto rosso, giallo e blu), abbiamo fatto parlare i bambini delle loro paure.
Obiettivi:
- esprimere le proprie paure con il linguaggio;
- attribuire all'emozione un colore;
- trovare strategie per attenuare la paura.
Attività
- conversazione sulle paure
- ogni bambino indica un colore per la paura e colora un foglio. Dopo, lo strappa e lo butta.
- Proviamo ad urlare per-  buttare fuori tutta la paura.



martedì 5 aprile 2016

....tartarughe

Eccomi qui con il secondo cartellone realizzato in primavera. Questa volta si tratta delle tartarughe!
Certo, la cosa migliore sarebbe far vedere dal vivo questi animaletti, ma è anche vero che in un modo o nell'altro almeno un pochino li conoscono. Con i più grandi, invece, sarebbe bello avviare un'attività più scientifica.
Comunque, se ci vogliamo limitare ad una rappresentazione grafica possiamo rappresentare gli animali in vari modi. Anche per la tartaruga abbiamo adoperato le realizzazioni dei singoli bambini per una tartaruga più grande e per decorarla abbiamo utilizzato vari tipi di legumi (naturalmente non avevamo bambini che amavano metterli in bocca!
Questo è il risultato finale:


venerdì 1 aprile 2016

chiocciole...

L'anno scorso mi ero imbattuta in un'attività che prevedeva tante chioccioline fatte con cerchietti concentrici colorati in vario modio. (il link della foto che ho su pinterest lo trovate qui )Avevo proposto di farla: in questo modo avremmo lavorato anche con le dimensioni, e con mia grande sorpresa i bambini, oltre a riconoscere il grande e il piccolo (nei mesi precedenti ci avevamo già lavorato tanto) riconoscevano e nominavano, almeno molti di loro, il medio.
In realtà, le mie colleghe hanno fatto colorare i cerchietti con gli stessi colori però poi l'idea è stata quella di disporle in modo da formare una grande chiocciola.


Come vedete, il corpo è stato dipinto mentre le chioccioline fatte dai bambini sono state disposte sopra un tulle arrotolato a spirale.
Voi come avete trattato gli animali della prima era? Con quali idee? Aspetto i vostri racconti! 



martedì 29 marzo 2016

l'albero della primavera

Una classica attività per chi decide di parlare di stagioni è quella della realizzazione dell'albero.
Questo che vi mostro è stato fatto con una classe di bambini di 3 anni


Per il tronco abbiamo usato le anime dei rotoli della carta igienica (sono stati dati ai bimbi tagliati, quindi li hanno pitturati e alla fine incollati). Per i fiori abbiamo preparato noi i modelli e poi i bambini vi hanno sparso pezzettini di cara tessuto rosa e gialle.
Dopo questa attività di gruppo, abbiamo anche organizzato un'attività individuale



lunedì 8 febbraio 2016

ispirati da Calder

Anche nei giorni scorsi ho presentato ai bambini (3 anni) un'attività espressiva ispiratami da Progetto infanzia (qui il sito ). L'abbiamo realizzata in più fasi e per prima cosa ho fatto colorare ai bambini cerchi di varie dimensioni utilizzando i colori primari. 

Qualche giorno dopo ho raccontato la storia sulla nascita dei coriandoli (anche questa la potete trovare sul sito) e poi ho mostrato  al computer questo quadro di Calder e ne abbiamo parlato, individuando i colori e le forme usate. Infine abbiamo detto cosa le linee rosse potevano ricordare.  


A questo punto ho invitato i bambini ad andare ai tavoli e ho dato loro i cerchietti (oltre al cartoncino ho usato anche il sughero). I bambini hanno lavorato tutti insieme (per lo più sono abituati a svolgere le attività a turno, mentre gli altri sono negli angoli a fare gioco libero) e ho dato colla e pennelli per incollare i cerchietti in modo che aspettassero il compagno se quest'ultimo stava usando il pennello. Infine, con la tempera li ho invitati a fare le linee rosse. 




Questi sono alcuni dei risultati: